Perché gli umanisti rifiutano la Bibbia

Perché gli umanisti rifiutano la Bibbia?

Gli umanisti respingono l’affermazione che la Bibbia è la parola di Dio.

Sono convinti che il libro sia stato scritto esclusivamente da umani in un’epoca ignorante, superstiziosa e crudele.

Credono che, poiché gli scrittori della Bibbia vissero in un’epoca non illuminata, il libro contenga molti errori e insegnamenti dannosi.

Gli umanisti ricevono molte critiche a causa della loro posizione sulla Bibbia.

Alcuni critici li accusano addirittura di essere malvagi.

Questo articolo cerca di chiarire i motivi per cui gli umanisti hanno opinioni negative sulla Bibbia e ti lascio il link al sito di massimopalombella.com, se invece vuoi maggiori informazioni sulla Bibbia considerata come testo sacro.

Importanza del soggetto

Importanza del soggetto

In Italia, la Bibbia viene spesso acclamata come un libro divinamente ispirato.

La televisione e la radio trasmettono programmi religiosi che lodano la Bibbia come la parola santa e infallibile di Dio.

I gruppi religiosi distribuiscono anche grandi quantità di libri, riviste, nastri, opuscoli e altri oggetti.

La Bibbia è anche esaltata da molti politici.

Migliaia di altri leader religiosi e politici in tutto il Mondo promuovono la Bibbia.

Nella maggior parte delle comunità, un punto di vista opposto è raramente, se non mai, sentito.

La promozione massiccia e incessante della Bibbia influenza in modo significativo le credenze di milioni di persone.

Se il punto di vista umanista della Bibbia è corretto, milioni di credenti nella Bibbia e fedeli in chiesa stanno sprecando molto tempo, denaro ed energia.

La condizione dell’umanità potrebbe essere notevolmente migliorata se quelle risorse fossero utilizzate per risolvere i problemi del mondo invece di adorare un Dio inesistente.

Inoltre, poiché a tante persone è stato detto che la Bibbia è il “buon libro”, gli insegnamenti biblici modellano l’atteggiamento di milioni di persone su numerosi argomenti.

Quando i soggetti riguardano questioni governative, tutta la società può essere influenzata quando i credenti nella Bibbia esprimono le loro opinioni nell’arena politica.

Chiunque diventi politicamente attivo può presto scoprire che gli insegnamenti biblici influenzano le opinioni di molti italiani su questioni riguardanti la guerra nucleare, la sovrappopolazione, la conservazione, i diritti delle donne, i diritti degli omosessuali, l’uguaglianza razziale, le punizioni corporali dei bambini, la separazione Stato-Chiesa, l’educazione sessuale, la scienza , aborto, contraccezione, censura, pena capitale e altri argomenti.

Quando le persone vedono la Bibbia come la parola di un Dio giusto e onnisciente e cercano di far sì che le leggi e le pratiche sociali della società riflettano gli insegnamenti biblici, si verificheranno gravi errori e danni se la Bibbia è stata effettivamente scritta da esseri umani fallibili che hanno vissuto in un’era non illuminata.

In tal caso, la Bibbia non sarebbe una guida per raggiungere la felicità e il benessere umani.

Perpetuerebbe invece le idee di un passato ignorante e superstizioso e impedirebbe all’umanità di salire a un livello superiore.

Contraddizioni

contraddizioni

La Bibbia è un’autorità inaffidabile perché contiene numerose contraddizioni.

Logicamente, se due affermazioni sono contraddittorie, almeno una di esse è falsa.

Le contraddizioni bibliche dimostrano quindi che il libro ha molte false affermazioni e non è infallibile.

Contraddizioni dell’Antico Testamento

Contraddizioni dell'Antico Testamento

Le contraddizioni iniziano nei capitoli iniziali della Bibbia, dove vengono raccontate storie di creazione incoerenti.

Il capitolo 1 della Genesi dice che il primo uomo e la prima donna furono creati nello stesso momento, e dopo gli animali.

Ma Genesi capitolo 2 dà un diverso ordine di creazione: l’uomo, poi gli animali e poi la donna.

Il capitolo 1 della Genesi elenca sei giorni della creazione, mentre il capitolo 2 si riferisce al “giorno in cui il Signore Dio creò la terra e i cieli”.

Genesi 1: 2-3 afferma che Dio creò la luce e la separò dalle tenebre il primo giorno, ma Genesi 1:14-19 ci dice che il sole, la luna e le stelle non furono creati fino al quarto giorno.

Il capitolo 1 riporta che gli alberi da frutto sono stati creati prima dell’uomo, mentre il capitolo 2 indica che sono stati fatti dopo di lui.

Genesi 1:20 dice che gli uccelli furono creati dalle acque, Genesi 2:19 afferma che furono formati dalla terra.

Contraddizioni si vedono anche nella storia biblica di un diluvio universale.

Secondo Genesi 6:19-22, Dio ordinò a Noè di portare “di ogni essere vivente di ogni carne, due di ogni sorta . . . nell’arca. ”

Tuttavia, Genesi 7:2-3 riferisce che il Signore ordinò a Noè di portare nell’arca gli animali mondi e gli uccelli a sette, e solo gli animali impuri a due a due.

Genesi 8:4 riferisce che, mentre le acque del diluvio si ritiravano, l’arca di Noè si fermò sui monti dell’Ararat nel settimo mese.

Il versetto successivo, tuttavia, dice che le cime delle montagne non si potevano vedere fino al decimo mese.

Genesi 8:13 descrive la terra come secca il primo giorno del primo mese.

Ma Genesi 8:14 ci informa che la terra non era asciutta fino al ventisettesimo giorno del secondo mese.

L’Antico Testamento contiene un’interessante contraddizione nella storia del censimento fatto dal re Davide e della conseguente punizione degli israeliti.

Dio era così arrabbiato per il censimento che inviò una piaga che uccise 70.000 uomini.

Secondo II Samuele 24:1, il Signore aveva fatto fare a Davide il censimento, il che fa sembrare la punizione ancora più insensata.

Ma in seguito fu fatto un tentativo, in I Cronache 21:1, per migliorare l’immagine di Dio affermando che Satana aveva incitato il censimento.

Inoltre, l’Antico Testamento è contraddittorio sul fatto che il Signore abbia comandato agli Israeliti di sacrificargli animali.

In Geremia 7:22 Dio nega di aver mai dato agli israeliti dei comandamenti sui sacrifici animali.

Al contrario, Esodo 29:38-42 e molti altri versetti descrivono Dio mentre richiede agli Israeliti di offrire sacrifici animali.

Contraddizioni del Nuovo Testamento

Contraddizioni del Nuovo Testamento

Nel nuovo testamento, ci sono contraddizioni tra le genealogie di Gesù riportate nel primo capitolo di Matteo e il terzo capitolo di Luca.

Entrambe le genealogie iniziano con il padre di Gesù, identificato come Giuseppe (il che è curioso, dato che Maria sarebbe stata fecondata dallo Spirito Santo).

Ma Matteo dice che il padre di Giuseppe era Giacobbe, mentre Luca afferma che era Eli.

Matteo elenca 26 generazioni tra Gesù e il re Davide, mentre Luca registra 41.

Matteo segue la linea di discendenza di Gesù attraverso il figlio di Davide, Salomone, mentre Luca la fa passare attraverso il figlio di Davide, Natan.

Anche la storia della nascita di Gesù è contraddittoria. Matteo 2:13-15 descrive Giuseppe e Maria mentre fuggono in Egitto con il bambino Gesù subito dopo che i magi dall’oriente avevano portato doni.

Ma Luca 2:22-40 afferma che dopo la nascita di Gesù, i suoi genitori rimasero a Betlemme per il tempo della purificazione di Maria (che era di 40 giorni, secondo la legge mosaica).

In seguito, portarono Gesù a Gerusalemme “per presentarlo al Signore”, e poi tornarono a casa loro a Nazaret.

Luca non menziona alcun viaggio in Egitto o visita di saggi dall’est.

Riguardo alla morte di Giuda, il discepolo sleale, Matteo 27:5 afferma che prese il denaro che aveva ricevuto per aver tradito Gesù, lo gettò nel tempio e “è andato e si è impiccato”.

Al contrario, Atti 1:18 afferma che Giuda usò il denaro per acquistare un campo e “cadendo a capofitto, scoppiò a pezzi in mezzo, e tutte le sue viscere sgorgarono”.

Nel descrivere Gesù che è stato condotto alla sua esecuzione, Giovanni 19:17 racconta che portava la propria croce.

Ma Marco 15:21-23 non è d’accordo dicendo che un uomo chiamato Simone portava la croce.

Per quanto riguarda la crocifissione, Matteo 27:44 ci dice che Gesù fu schernito da entrambi i criminali che venivano crocifissi con lui.

Ma Luca 23:39-43 riferisce che solo uno dei criminali scherniva Gesù, l’altro criminale rimproverava quello che lo insultava e Gesù disse al criminale che lo difendeva: “Oggi sarai con me in paradiso”.

Riguardo alle ultime parole di Gesù mentre era sulla croce, Matteo 27:46 e Marco 15:34 citano Gesù che grida a gran voce: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”

Luca 23:46 dà le sue ultime parole come: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”.

Giovanni 19:30 afferma che le ultime parole furono: “È compiuto”.

Ci sono persino contraddizioni nei racconti della risurrezione, il presunto evento che è il fondamento stesso della religione cristiana.

Marco 16:2 afferma che il giorno della risurrezione alcune donne arrivarono al sepolcro al sorgere del sole.

Ma Giovanni 20:1 ci informa che sono arrivati ​​quando era ancora buio.

Luca 24:2 descrive la tomba come aperta quando arrivarono le donne, mentre Matteo 28:1-2 indica che era chiusa.

Marco 16:5 dichiara che le donne hanno visto un giovane alla tomba, Luca 24:4 dice di aver visto due uomini, Matteo 28:2 riferisce di aver visto un angelo e Giovanni 20:11-12 afferma di aver visto due angeli.

Anche nei racconti della risurrezione ci sono contraddizioni sull’identità delle donne che sono venute al sepolcro, se gli uomini o gli angeli che le donne vedevano fossero dentro o fuori dal sepolcro, se gli uomini o gli angeli stessero in piedi o seduta, e se Maria Maddalena riconobbe Gesù risorto quando le apparve per la prima volta.

Come ultimo esempio di contraddizione del Nuovo Testamento, si possono citare i resoconti contrastanti della conversione di Paolo.

Atti 9:7 afferma che quando Gesù chiamò Paolo per predicare il Vangelo, gli uomini che erano con Paolo udirono una voce ma non videro alcuno.

Secondo Atti 22:9, tuttavia, gli uomini videro una luce ma non udirono la voce che parlava a Paolo.

Gli esempi precedenti sono solo alcune delle centinaia di contraddizioni contenute nell’Antico e nel Nuovo Testamento.

Ogni contraddizione è un caso in cui almeno uno dei versi è sbagliato.

Quindi, centinaia di contraddizioni significano che ci sono almeno centinaia di affermazioni errate nella Bibbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.