creeare il proprio giardino zen

Creare un giardino zen nel proprio ambiente

Esausto per una lunga giornata di lavoro, ti trascini in giardino.

Immagina un design riposante con muschio spugnoso sotto i piedi o forse una cascata da giardino che lenisce e ringiovanisce il tuo corpo, mente e spirito: un luogo in cui puoi finalmente rilassarti.

Sembra fantastico, vero? Anche tu puoi avere un giardino Zen per lasciar andare i tuoi problemi e goderti la pace con la natura proprio nel tuo cortile. Ecco come trasformare lo spazio del tuo giardino in un rifugio tranquillo.

Giapponese o Zen: qual è la differenza?

giardino zen santuario

Ci sono due stili popolari di giardinaggio considerati “Zen” e il loro design può essere molto diverso.

Uno è più precisamente chiamato giardino giapponese, un paesaggio fiorente pieno di lievi pendenze, ponti di pietra e stagni.

L’altro è un giardino pianeggiante caratterizzato da rocce accuratamente posizionate e sabbia fine o ghiaia, meticolosamente rastrellate per creare l’illusione delle increspature sull’acqua.

Un’attenta pianificazione è essenziale per creare uno dei due stili.

Per scegliere il design migliore, considera le dimensioni del tuo giardino, come desideri accessoriare e il tuo utilizzo idrico ideale per la manutenzione.

Giardini “Zen” in stile giapponese

giardini zen in stile giapponese

Se vuoi immergerti nel mormorio delle cascate del cortile e delle vignette mozzafiato, il giardino in stile giapponese è la strada da percorrere.

Ecco cosa devi considerare quando inizi:

  • Il layout: introdurrete giochi d’acqua nel vostro giardino? Sentieri tortuosi e punti di meditazione nascosti? Che ne dici di una porta di bambù? L’effetto più importante per ottenere una disposizione ideale del giardino di ispirazione Zen è l’unione con la natura.
  • Mira a un aspetto naturale, non selvaggio, austerità e un senso di calma armonia sono ciò che stai cercando.
  • Scegliere alberi e arbusti. Seleziona attentamente ogni elemento in un giardino giapponese per coordinarlo con il design, comprese le selezioni di piante. I sempreverdi come la Cryptomeria e gli alberi ornamentali come gli aceri giapponesi sono scelte popolari.
  • Il bambù è un ovvio preferito, ma assicurati di chiedere al tuo paesaggista locale perché alcune varianti di bambù sono invasive. Se il bambù non è un’opzione, prendi in considerazione una delle tante piante a motivi geometrici per aggiungere contrasto e consistenza al tuo giardino Zen.
  • Assicurati di considerare le stagioni perché desideri una combinazione di piante che offra qualcosa di speciale per ogni stagione. Cerca alcune piante che abbiano un interesse invernale, come sempreverdi o steli dai colori vivaci, se ti trovi in ​​un clima settentrionale.
  • Scegliere l’albero giusto per il tuo giardino è un investimento, quindi non fa mai male chiedere a un garden center di vendita al dettaglio.
  • Accessori ispirati allo zen: un viaggio nel tuo centro paesaggistico locale può rivelare tesori come portali in legno, percorsi in piastrelle di pietra, bassi ponti di bambù, lanterne a pagoda in pietra, statue di Buddha o un padiglione di bambù.
  • Assicurati che gli accessori che scegli si adattino alla tua selezione di piante. Ci sono molte opzioni. Se ti trovi in ​​uno spazio piccolo, potresti rinunciare ai ponti di pietra o di legno e agli stagni allettanti a favore delle lanterne a pagoda in pietra e del muschio. Divertiti con i tuoi accessori, ma non esagerare.
  • Ricorda, l’austerità è una qualità importante per l’estetica Zen.

Risparmia acqua con i giardini zen piatti

giardino zen salvare l'acqua

Cerchi un’esperienza Zen più autentica o una soluzione a bassa marea? Nessun problema, il giardino zen piatto è la strada da percorrere.

I monaci giapponesi hanno sviluppato lo stile del giardino Zen come aiuto alla meditazione.

È concepito per essere visto da un unico punto di vista al di fuori del giardino e per creare un senso di consapevolezza e pace interiore nello spettatore.

Indipendentemente dalla tua posizione, un autentico giardino Zen piatto è un’opzione ecologica per il risparmio idrico.

Se ritieni che anche erbe come la salvia o alberi efficienti in termini di acqua come il ginkgo siano troppo da gestire, puoi omettere del tutto le piante. Riempire il tuo giardino con sabbia o ghiaia fine e rocce interessanti creerà lo stesso effetto calmante.

 

Un giardino Zen tradizionale inizia con un’area rettangolare di sabbia fine o ghiaia, ma puoi scegliere una forma diversa se lo desideri. Indipendentemente da ciò, dovrai preparare l’area per evitare che le erbacce prendano il sopravvento sullo spazio.

Usa assi di legno per creare una superficie solida e stabile per sostenere la sabbia o la ghiaia e stendi in anticipo un panno paesaggistico come barriera contro le erbacce.

Visita il tuo centro di giardinaggio locale o lavora con un professionista del paesaggio locale su diverse opzioni per progettare al meglio il tuo spazio.

Adornate il vostro nuovo spazio di meditazione con rocce, grandi o piccole, ricoperte di muschio o scoperte.

È comune raggruppare le rocce più piccole in tre. Le tue rocce rappresentano massi e possono essere piccole come un gattino o abbastanza grandi da arrampicarsi.

Assicurati di contattare il tuo professionista del paesaggio per organizzare il sollevamento di carichi pesanti per eventuali grandi massi.

Tuttavia, non devi limitarti alle sole rocce. Ecco alcuni altri accessori che si abbinano perfettamente ai giardini zen a base di sabbia:

  • statue di Buddha
  • lanterne a forma di pagoda in pietra
  • rastrelli di bambù
  • rocce di fiume messicane, ciottoli levigati o ciottoli da spiaggia

Un rastrello – bambù o no – è un must.

Usa il tuo rastrello per disegnare linee attorno alle tue rocce, statue o piante in vaso a tuo piacimento.

Tutti questi dovrebbero essere disponibili presso il tuo centro paesaggistico locale.

Poiché il giardinaggio Zen si basa sulla natura, è importante assicurarsi che qualsiasi accessorio scelto si adatti bene al design generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.